Macrì | Breve storia della Certosa di San Martino
348777
post-template-default,single,single-post,postid-348777,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,macrì - segni creativi-ver-1.1.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Breve storia della Certosa di San Martino

Certosa_di_San_Martino

La Certosa di San Martino nasce nel 1325: Carlo duca di Calabria, primogenito di Roberto d’Angiò, fece erigere il monastero a San Martino.

La certosa fu finalmente inaugurata nel 1368, sotto il regno della regina Giovanna I, anche se i certosini presero possesso del monastero già dal 1337.

Nel 1500  la certosa subì ampliamenti importanti. Nel 1799 iniziarono le mille vicissitudini dei certosini che vennero cacciati per giacobinismo, per poi ritornare nel 1804 ed essere di nuovo espulsi; nel 1836 vennero di nuovo riammessi e infine espulsi definitivamente nel 1866, quando la certosa divenne bene monumentale proprietà dello Stato.

Dal 1993 venne ripensato interamente il modello del museo, alla luce della molteplicità delle collezioni, ed a partire dal 2000 le collezioni sono state organizzate in un nuovo allestimento dei percorsi:
Immagini e memorie della città
Collezioni di Arti Decorative
Sezione Teatrale
Museo dell’Opera della Certosa
Quarto del Priore
Sezione di vedute della Fondazione Alisio
Spezieria, Sezione Navale.

Nel dicembre 2010 il Ministero per i Beni Culturali ha dichiarato la collina su cui sorge la certosa “monumento nazionale”, a testimonianza della sua rilevanza.

AUTHOR: macrisegnicreativi
Nessun commento

Lascia il tuo commento

L'indirizzo email non verrá pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.