Macrì | Far Viaggiare l’Arte
349958
post-template-default,single,single-post,postid-349958,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,macrì - segni creativi-ver-1.1.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Far Viaggiare l’Arte

articolo Far Viaggiare l’Arte

Se i sogni non hanno confini, anche l’arte non si pone limiti.

L’arte, e tutte le sue forme, si aggancia ai dettagli e gira il mondo: è nello sguardo di chi s’innamora delle maioliche illuminate dal tramonto; in chi accarezza distratto il marmo di antiche colonne romane.

L’arte viaggia negli occhi di chi resta a guardare i tramonti, catturando l’istante in cui il sole sprofonda stanco nel mare immenso e colorato di rosso. L’Arte viaggia nei sogni, dove trae ispirazione, per svegliarsi e coniugarsi nelle più varie forme del quotidiano; viaggia tra le mani di chi nasce con il dono di plasmare la materia e dargli le forme che i sogni suggeriscono . Il mediterraneo è una delle terre in cui l’arte fiorisce naturalmente: si nasconde nella sua storia, nella sua cultura e nelle sue tradizioni. Tra gli infiniti strati di culture antiche e moderne, tra strascichi di popoli lontani e vicini il mosaico artistico e culturale che la penisola vanta è la più alta forma d’arte.

É da questa molteplicità che l’arte spicca il volo, ed è da questo che Macrì trae ispirazione: viaggiando. Il viaggio nell’arte e per l’arte è il nucleo essenziale che dà forma allo stile che ci distingue. Ci siamo innamorati dei colori, delle sfumature che assume il sole quando filtra tra panni stesi ad asciugare di un vicolo stretto, della forma che prendono le nuvole quando sostano bianche e vaporose sopra i vulcani; degli innumerevoli colori che assume il mare quando si scaglia pacato e quieto contro il cielo del tramonto. Ci siamo innamorati della storia, delle vite che si portano dietro antiche rovine coperte di polvere e magia; del fuoco che tutto illumina e tutto distrugge, portando con se quel terribile sentimento di fascino che l’uomo ha sempre respinto e cercato al contempo.

La nostra arte nasce dall’amore per l’arte tradizionale e moderna, dal fascino oscuro di un vulcano in esplosione, dall’allegria di una vespa colorata e memore di tempi lontani e gonne a ruota, dell’eleganza di un polso sottile e tintinnante di bracciali con pendenti; ci siamo innamorati della superstizione che si tramanda, di generazione in generazione, nelle case fatte di tufo e religione. Questo è il cuore della nostra arte; questa è l’infinitesimale essenza di ciò che sta alla base del nostro lavoro.

Questo è il fulcro della nostra passione: l’amore.

AUTHOR: macrisegnicreativi
Nessun commento

Lascia il tuo commento

L'indirizzo email non verrá pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.